Cos’è il MES Meccanismo Europeo di Stabilità

E’ il Fondo monetario dell’Unione Europa per dare sostegno ai Paesi membri in caso di crisi finanziaria e rischio default.

La finalità è di consentire al fondo salva-Stati di concedere linee di credito agli Stati membri che si trovano in difficoltà sui mercati e diventare sostenitore per le crisi bancarie.
Il Mes è nato durante la crisi della zona euro 
era stato creato nel 2010 per la Grecia è entrato in funzione nel 2012 e diretto dal tedesco Klaus Regling. Ha un capitale autorizzato di 700 miliardi di euro, di cui solo 80 sono stati effettivamente versati dagli Stati membri. L’Italia è il terzo maggior sostenitore con un contributo di 14 miliardi di euro. Versano più del nostro Paese solo Germania e Francia.

In questi ultimi 10 anni il Mes ha salvato (salvato, nella circostanza è un verbo opinabile) cinque paesi: Grecia (tre programmi di assistenza finanziaria), Irlanda, Portogallo, Spagna Cipro

Gli stati “Salvati” hanno dovuto sottoscrivere un “memorandum d’intesa” e impegnarsi a attuare una serie di riforme sotto il monitoraggio della cosiddetta “Troika” formata da Commissione, Banca centrale europea e Fondo Monetario Internazionale, i cui risultati, sotto il profilo sociale sono notgi a tutti con il termine “nefasti”.

Il MES è rappresentato da due strumenti: una “linea di credito precauzionale condizionata” e una “linea di credito a condizioni rafforzate”.


La “linea di credito precauzionale condizionata” è riservata agli Stati membri in cui la situazione economica e finanziaria è fondamentalmente forte e il cui debito pubblico è sostenibile.
Sarà infatti necessario il rispetto, nei due anni precedenti, della regola del 3% del deficit e la riduzione del debito di 1/20 l’anno.

La “linea di credito a condizioni rafforzate” è invece riservata ai paesi la cui situazione economica e finanziaria rimane sana.

In linea generale il MES è stato previsto quale scudo contro le speculazioni e lo SPREAD.

Questo in termini generali e in poche parole. Ovviamente avrete compreso che il MES è tutt’altro che uno strumento semplice o di semplice applicazione. Uno strumento voluto dagli stati ad economia forte, certamente stanchi dei loro partner incoscienti e allegri come l’Italia.

In Italia si grida contro Francia e Germania, quali nemici dell’Italia. Il mio personale parere è che i veri nemici dell’Italia non sono loro ma i nostri stessi governanti, che attraverso le loro scellerate quanto inadeguate politiche economiche hanno prodotto una montagna di debito pubblico per poi mettere a disposizione dei cittadini i servizi pubblici peggiori d’Europa.

Riflettete su questo prima di inveire su quegli stati dove i loro politici sicuramente hanno saputo operare meglio nell’interesse della loro nazione.