Oggi su qualche autorevole testata leggo che l’abbandono dell’euro da parte della Grecia in definitiva si possa rivelare il male minore. Trattasi di tesi dettata da economisti, quindi conoscitori dei sistemi monetari. Ipotesi questa da me,  non solo non condivisa ma ritenuta la peggiore delle soluzioni. Non riesco ad intravedere quali possano essere gli elementi positivi su cui far stare in piedi una tale tesi. Sarà probabilmente la mia scarsa capacità di arrivare così lontano? O ci troviamo di fronte alle varie soluzioni che, quando non si sa quali pesci prendere, si gioca al rialzo, auspicando che il numero puntato possa alla fine uscire. Non vorrei sembrare irriverente verso chi sicuramente avrà un profilo ed un bagaglio professionale migliore del mio. Ma credetemi, non riesco a digerire questa tesi. Immaginiamo che l’Europa butti fuori la Grecia dal suo sistema monetario. La Grecia sarà ovviamente costretta a ritornare alla dracma. La valutazione di partenza della nuova moneta,  dovrà essere stabilito dalle banche centrali, dovrà tener conto della sua attuale situazione debitoria esterna, dei suoi costi interni, e della sua capacità di saper produrre ricchezza, capacità quest’ultima distrutta da un’ottusa politica di rigore fuori da ogni logica economica. Obbligare ad apportare tagli a settori portanti dell’economia produttiva è solo “terrorismo economico”. Per non parlare del continuo stillicidio degli aiuti da erogare, promessi e poi ritirati, generando la destabilizzazione dei mercati finanziari.  La valutazione di partenza della dracma,  in presenza di tutti questi fattori negativi,  dovrebbe attestarsi ad un controvalore nel rapporto con l’euro,  in cui lo stipendio medio attuale del  lavoratore greco,   a malapena potrà acquistare pane,  latte e pasta per un mese. Non sto scherzando, la situazione è veramente ,  drammatica,  dovendo la Grecia, come peraltro anche l’Italia importare l’energia necessaria.  Una famiglia media,  con la dracma avrebbe scarse possibilità di pagare la bolletta energetica.  Sulla base di questo scenario catastrofico,  la paura di una violente ripercussione sull’ordine sociale, facilmente contagiabile, dovrebbe poi consigliare la stessa Europa a effettuare una forte iniezione di liquidità, non in prestito,   come ora, ma a fondo perduto. Quello   che poi trovo sciocco, a dimostrazione della pochezza di certe affermazioni, la sottovalutazione dei pazzeschi costi che il sistema dovrà obbligatoriamente sostenere per consentire l’utilizzo in termini pratici della nuova moneta. Scusatemi, il solo costo dell’adeguamento di tutti i programmi in essere in Europa probabilmente costerebbe quanto una manovra finanziaria a fondo perduto. Un alto aspetto è,  che si verrà a creare un precedente, creando allarme nei paesi membri dell’unione i quali consapevoli di poter essere cacciati a calci nel sedere,  alcuni di questi,  sicuramente decideranno loro,   di dare un calcio all’Europa. Di fronte ad una crisi planetaria dell’euro ritengo che anche gli stati economicamente forti dell’Europa pagheranno un conto salato.  Basti pensare se le sole Grecia ed Italia, dovessero venir fuori dall’euro, la Germania si vedrebbe ridotto il suo PIL di almeno un 5/6% entrando così in forte tensione interna, facendo il gioco delle economie emergenti,  pronte ad accaparrarsi fette di mercato. Ovviamente non dimentichiamo che stati come la Germania e la Francia, oltre all’inganno (posto in essere da se stesse) ne subiranno anche la beffa,  rappresentata da quella parte di debito pubblico italiano e greco,  che se per “ipocrita solidarietà” scaricato dalle loro banche centrali, per la maggior parte si trova nelle loro banche commerciali.  L’uscita della Grecia dall’euro presupporrebbe peraltro uno scellerato piano di realizzare un euro forte,  dove l’irritazione degli stati estromessi,  aprirebbe la strada a ridisegnare le rotte dei mercati,  favorendo il rafforzamento di Cina e India, sostenuti a loro volte da numerosi stati emergenti.  La vecchia Europa se non fa attenzione, affidando le proprie scelte in mano a economisti le cui idee siano quelle del rafforzamento economico dell’euro, a presto sarà l’area territoriale del pianeta che paradossalmente verrà domani definita “il terzo mondo”. La politica che l’Europa oggi ha, è da terzo mondo. La coesione e la condivisione di appartenere ad un sistema culturale ed economico è da quinto mondo. Se in tutto questo marasma l’Europa continuerà nella sua politica miope ed antagonista il suo futuro prossimo è quello della disgregazione,  distruggendo un percorso che dal dopo guerra avrebbe dovuto già dovuto portarci ad essere il continente di riferimento per tutto il mondo.

Infine dico che l’Europa deve smetterla  di promettere  prestiti poi non erogati o mostruosamente dilatati.  La Grecia non potrà per il prossimo decennio restituire niente a nessuno. Che piaccia o no, l’Europa,  di cui la stessa Grecia faceva parte, ha concesso a questo stato di indebitarsi. Tralascio intrecci ed intrallazzi del debito pubblico ellenico,  sta di fatto che le banche centrali dei stati dell’unione non potevano non sapere e se sapevano hanno negligentemente taciuto. Pertanto o alla Grecia viene fatta una grossa trasfusione di denaro fresco, oppure l’Europa è finita, con un grande dispiacere per la signora Merkell, perché la Grecia comunque non morirà, anzi sopravviverà alla stessa sconquassata Europa.          

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*