Logo di FacebookReduce da una passeggiata su alcuni profili di Facebook, riporto una frase letta che mi ha lasciato un po’ perplesso. In una discussione sull’applicazione della legge 482 in materia di tutela delle minoranze linguistiche, qualcuno ha scritto: “vorrei dire il mio pensiero apertamente ma purtroppo evito di farlo per paura di essere querelato, in quanto oggi esprimere del dissenso o ritenere che alcune cose si sarebbero potute fare meglio si rischia di essere querelati”. Una frase buttata lì in mezzo a milioni di messaggi, a volte di grande squallore morale mi ha lasciato pensieroso. Perché una persona oggi ha paura di esprimere che qualcosa secondo lui non va bene, se è riferita a cariche pubbliche istituzionali? Il messaggio è stato scritto in perfetto italiano, e non di denota squilibrio mentale o altri turbamenti psicologici. E allora perché questo signore, questo cittadino è così preoccupato di essere querelato? Non ha usato il turpiloquio, non sembra dai suoi precedenti messaggi una persona dedita alla critica distruttiva o un ignorante. Ha però manifestato una paura nell’esercizio di un suo diritto civile. Questo mi preoccupa. Questo mi lascia perplesso aprendo in me una disamina della problematica che riveste una vitale importanza per la sopravvivenza della libera circolazione del proprio pensiero. Cosa sta succedendo? Perché la gente inizia ad avere paura ad esprimere il proprio pensiero

In televisione se le cantano di santa ragione, la bestemmia e la denigrazione più squallida è di casa, allora perché questo cittadino ha paura? Ha paura di doversi difendere da una sua eventuale opinione negativa sul comportamento o meglio sull’attuazione di una legge. Se questo può essere non tenuto nella debita evidenza ed attenzione penso che veramente stiamo scivolando verso un futuro denso di nebbie. Forse questo signore ha già avuto una esperienza negativa in merito, oppure si riferisce alle ormai facili querele con cui i politici, ritenutisi offesi perché toccati nelle loro inefficienze usano fere ricorso, tanto possono permettersi uno stuolo di legali che il povero cittadino non sarebbe in grado di poterne disporre. Se così fosse penso che cominciando dalle più alte cariche dello stato per arrivare alle sfere più basse della politica,  dovrebbero cominciare a fare chiarezza, a capire perché il distacco tra politica e realtà quotidiana si sta sempre più evidenziando. Ritengo che la distanza tra i due comparti sia diventata già preoccupante, avendo i primi creato una sorta di “Casta” intoccabile ed onnipotente. La politica di quest’ultimi anni sembra aver ripercorso all’indietro alcuni secoli di storia, per riportarci prepotentemente nel periodo medievale dove o si appartiene a quel gruppo detentore del potere assoluto, oppure si è completamente tagliati fuori dai diritti più elementari.   La concentrazione del potere nelle mani di pochissimi soggetti, come appunto sta avvenendo in Italia sta deteriorando e sgretolando la coesione sociale. Quello che di più orrendo sta succedendo è che la gente sta perdendo la fiducia verso il domani in quanto la capacità, la laboriosità, la caparbietà di voler fare bene il proprio dovere non è più elemento caratterizzante la capacità di un individuo. Oggi lo spazio è dato agli opportunisti che hanno solo il pregio di essere vicini a coloro che hanno il potere decisionale. 

Un pensiero su “vorrei dire il mio pensiero apertamente ma purtroppo evito di farlo per paura di essere querelato”
  1. In effetti non c'è giorno che passi senza che si faccia ricorso alla querela. La disputa politica ha perso la sua sana e costruttiva litigiosità.
    Dubitare lontanamente su comne possa essere stata fatta una certa cosa è sinimo di sfiducia e quinbdi giù la querela. Povero popolo italiano, che però penso abbia esattamente quello che giustamente si merita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Per offrirti un'esperienza di navigazione sempre migliore, questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, partner selezionati. I cookie di terze parti potranno anche essere di profilazione. Se vuoi saperne di più e ricevere indicazioni sull'uso dei cookie, o se vuoi negare il consenso all'uso dei cookie, clicca qui.Cliccando su Accetto presti il tuo consenso all'utilizzo dei cookie impiegati dal nostro sito oppure proseguendo nella navigazione maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi