Una delle storie più popolari viene narrata in un manoscritto del XII secolo intitolato Sulla derivazione del Legno della Croce dall’Albero della Conoscenza, e in esso un monaco cristiano di nome Lambertus condivide questa leggenda:

Quando Adamo aveva circa 930 anni dichiarò che sarebbe morto, ma che doveva soffrire di una grave malattia finché non avesse sentito il profumo dell’albero presso il quale aveva peccato contro Dio in paradiso. E disse a suo figlio Set: “Vai a Oriente, fino alle rive dell’oceano, invoca Dio con le mani levate al cielo e forse otterrai aiuto a questo riguardo”. Quando Set ebbe fatto ciò che il padre gli aveva detto venne trasportato dall’angelo in paradiso, e dopo che aveva spezzato un ramo dell’albero fu riportato indietro e tornò dal padre. Risollevato dal profumo dell’albero, suo padre morì. Set piantò allora il ramo, che crebbe diventando un albero e rimase lì fino al tempo di Salomone. Quando videro che bell’albero che era, i capi dei costruttori del tempio lo abbatterono, ma i costruttori lo rifiutarono come la pietra che è diventata testata d’angolo. E rimase lì inutilizzato per 1.090 anni, ovvero fino alla venuta di Cristo. Con questo legno venne fabbricata la Croce di Cristo.

Non ci sono prove del fatto che questo possa essere realmente accaduto, ma la leggenda sottolinea un legame spirituale esistente. San Paolo lo dice in questo modo nella sua Lettera ai Romani: “Come dunque per la colpa di uno solo si è riversata su tutti gli uomini la condanna, così anche per l’opera di giustizia di uno solo si riversa su tutti gli uomini la giustificazione che dà vita. Similmente, come per la disobbedienza di uno solo tutti sono stati costituiti peccatori, così anche per l’obbedienza di uno solo tutti saranno costituiti giusti” (Romani 5, 18-19).

Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicott

Fonte: Aleteia

Immagine

Chinese (Simplified)DutchEnglishFrenchGermanGreekItalian

Per offrirti un'esperienza di navigazione sempre migliore, questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, partner selezionati. I cookie di terze parti potranno anche essere di profilazione. Se vuoi saperne di più e ricevere indicazioni sull'uso dei cookie, o se vuoi negare il consenso all'uso dei cookie, clicca qui.Cliccando su Accetto presti il tuo consenso all'utilizzo dei cookie impiegati dal nostro sito oppure proseguendo nella navigazione maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi